TRADIZIONI GASTRONOMICHE TRENTINO ALTO ADIGE: IL GROSTL

Oggi ci concediamo un viaggio tra le tradizioni gastronomiche del Trentino Alto Adige. Scopriamo il Grostl, un piatto tipico del nostro territorio, ideato dalle nostre nonne per reinventare in modo creativo gli avanzi…senza rinunciare al gusto! La nostra Meggy ci propone la sua versione, con speck trentino e Puzzone di Moena…

La domenica, specie quando arriva la stagione fredda, con le sue giornate corte e buie, è sempre un po’ triste.
E allora via libera a gite fuori porta, visite gastronomiche o pomeriggi al cinema, ma anche, perché no, sul divano davanti alla tv, fino all’ora di cena però, che quando arriva a meno che non si sia programmato di andare al ristorante, non lascia scampo.
Vi siete dimenticati di fare la spesa, non avete nulla di buono o commestibile in casa. Uhm, sicuri?


Il frigo è uno di quei posti dove si nascondono tesori inestimabili, spesso dimenticati. Tipo quelle due patate lesse avanzate un paio di giorni fa, o quelle bistecchine di tacchino tristi e sole in un angolo, dello speck affettato quasi finito e un pezzettino di formaggio che è troppo piccolo per farci qualsivoglia cosa. O quasi.
Ok, non sempre i frigoriferi di casa custodiscono tutte queste prelibatezze, ma con un po’ di fortuna e fantasia si può creare un piatto veloce, facile e gustosissimo che vi farà tornare il sorriso. Almeno fino a quando la sveglia non suonerà l’indomani mattina. Ecco la mia ricetta per le domeniche sere d’inverno, un Grostl tirolese rivisitato, o meglio riadattato con gli ingredienti che avevo a casa.

Ingredienti per 2 persone:
300 gr. Di petto di tacchino (in alternativa utilizzare polpa di vitello o carne lessa avanzata)
3 patate medie lessate
1 cipolla bianca
2 uova
2 fette di formaggio Puzzone di Moena
Rosmarino
Burro di malga
100 gr. Di speck
Sale e pepe nero q.b.

Preparazione:
tagliare a striscioline la carne e lo speck, affettare sottilmente la cipolla e tagliare a cubetti le patate.
In una capiente padella in acciaio sciogliere una noce di burro, aggiungere il rosmarino, la cipolla e la carne, lasciar cuocere per circa 5 minuti a fuoco medio ed aggiungere quindi le patate, alzando il fuoco e continuando a mescolare finché non si forma una bella “crosticina”.
Aggiungere infine lo speck e continuare la cottura per un paio di minuti al fine di amalgamare tutti i sapori, cuocere le uova all’occhio di bue e tagliare a pezzettini il formaggio. Impiattare decorando con l’uovo e il formaggio, e aghi di rosmarino o rosmarino secco.

Il Grostl: gustoso e facile da preparare! Aspettiamo i vostri commenti, ma soprattutto le ricette tradizionali gastronomiche del vostro territorio!

Guest post by Meggy deliciousmeggy.blogspot.it

Altre ricette del Trentino e della tradizione le puoi trovare in tutti gli Hotel & Resort Vita Nova