Ricette dolci: pannacotta al sambuco del Trentino e pesche saturnine

Da provare durante le vostre vacanze in Trentino, o da sperimentare a casa, per assaporare tutti i profumi di montagna in un solo assaggio: la panna cotta al sambuco e pesche saturnine! Chi ce la propone? La nostra Meggy, che torna per con la sua allegria e freschezza a coccolarci con la sue straordinarie ricette tipiche trentine, rivisitate con estro. E così scopriamo che per lei, non è estate senza…

Per me non è mai stata estate senza il succo di sambuco. Questo sciroppo dolcissimo, dal colore ambrato e dal profumo inebriante rende divino anche un semplice bicchiere d’acqua fresca, inoltre ha proprietà diuretiche, antiipertensive ed antireumatiche.
Ogni anno, all’inizio dell’estate, assieme ai miei genitori ed ai loro amici con relativa prole, organizzavamo una giornata in montagna dedicata alla raccolta dei candidi fiori di sambuco, che sarebbero poi diventati il nettare tanto amato da noi bambini (per imparare a preparare il succo al sambuco.

Partivamo la mattina presto con zaini, ceste e delle lunghe cesoie, indispensabili per raggiungere i rami più alti delle piante che costeggiavano il sentiero poco battuto dal quale si poteva ammirare il lago cristallino, sulle cui rive ci stendevamo per riposarci a fine raccolta.
Era bello scommettere su chi di noi avrebbe raccolto più fiori, i grandi li staccavano dalle piante e i piccoli erano incaricati di riporli delicatamente nelle ceste, dopo averli scrupolosamente contati e dopo aver annotato il numero sul taccuino di pelle che utilizzavamo per decretare poi il vincitore.
Durante queste gite all’aria aperta i papà non perdevano l’occasione di insegnarci i nomi delle altre piante e fiori che incontravamo lungo il percorso, noi ascoltavamo a bocca aperta, con gli ovattati rumori del bosco in sottofondo.

Non è raro trovare vicino a piccoli corsi d’acqua piante ancora cariche di fiori…

La pannacotta al sambuco e pesche saturnine

Ingredienti per 6 persone:
500 ml di panna fresca
3 fogli di colla di pesce
150 ml di succo di sambuco
4 pesche saturnine

Preparazione:
In una casseruola antiaderente portare ad ebollizione la panna a fuoco basso, nel frattempo ammollare la colla di pesce in un piatto contenente due dita d’acqua.
Quando la panna avrà raggiunto un leggero bollore, spegnere il fuoco, strizzare la colla di pesce ed aggiungerla alla panna, mescolando con una frusta fino ad eliminare ogni piccolo grumo, aggiungere quindi 120 ml di sambuco, amalgamare bene e versare il composto in 6 pirottini d’alluminio (o direttamente in bicchierini o coppette che utilizzerete per servire), riporre in frigo a raffreddare per almeno 4 ore.
Nel frattempo sbucciare le pesce e metterle in un padellino assieme al restante succo di sambuco e a mezzo bicchiere d’acqua, lasciare cuocere lentamente fino ad ottenere una salsa morbida.
Lasciare la pannacotta a temperatura ambiente una decina di minuti prima di servire, sformare con delicatezza su un piattino e decorare con un cucchiaio di salsa alle pesce e qualche fettina di pesca.

Grazie Meggy per questa fantastica ricetta estiva, che racchiude così tanti dolci ricordi!
E per voi? Non è estate senza …
Siamo curiosi!

Guest post by Meggy  deliciousmeggy.blogspot.it
Altre ricette del Trentino e della tradizione le puoi trovare in tutti gli Hotel & Resort Vita Nova

 

Foto di: Meggy, Desti Gianni, Nicola Angeli