Ricette aperitivo buffet: trilogia di finger food trentini

Una ricetta per l’aperitivo a buffet, immaginata e preparata con il cuore, con i prodotti eccellenti del nostro Trentino, come i formaggi Casolet e Nostrano, e lo speck. L’idea del piatto nasce dalle emozioni della nostra Meggy, foodblogger trentina e protagonista di MasterChef Italia, come spiega lei stessa: “anche se a volte si sogna di partire, di andare lontano, ci sarà sempre un posto speciale nel cuore per le proprie origini”. E quel posto per Meggy è il Trentino.


Negli ultimi tempi molte persone mi hanno chiesto cosa rappresenta per me il mio territorio, il Trentino. Ho sempre risposto a cuore aperto, raccontando e condividendo i miei racconti e ricordi, cercando di farli vivere anche a chi non ha avuto ancora modo di apprezzare le meraviglie che questa regione ci offre.
Per me è vita, casa e luoghi da scoprire, sono albe e tramonti, flora e fauna, paesaggi mozzafiato in contrasto con nuove opere architettoniche in costruzione, è aria buona che respiro, è amore. Ho voluto raccogliere tutti questi miei sentimenti in un solo piatto, una trilogia di finger food, bocconcini monoporzione, composti rigorosamente da ingredienti trentini.


Ingredienti per 10 persone (3 bocconcini a testa)

Per il voul au vent con crema ai formaggi trentini e cipolle caramellate
50 gr. di formaggio Casolet
50 gr. di formaggio Nostrano
50 gr. di formaggio Asiago
2 cucchiai di panna da cucina
1 piccola cipolla rossa
1 cucchiaio di zucchero di miele millefiori
1 pizzico di sale
1 foglia di alloro

Tagliare a cubetti i formaggi e farli fondere continuando a mescolare in una casseruola antiaderente aggiungendo la panna da cucina.
Affettare sottilmente la cipolla, soffriggerla dolcemente in un padellino antiaderente assieme ad un goccio d’olio evo e all’alloro, salare, sfumare con mezzo bicchiere d’acqua e lasciare a stufare qualche minuto, aggiungere il miele, cuocere fino al completo assorbimento dei liquidi e lasciare riposare.
Farcire i “voul au vent” con la crema di formaggi, infornare per 5 minuti a 180° , completare con un ciuffo di cipolle rosse.

Per il crostino di brisè alle erbe con mousse di salmerino e pomodorino confit
125 gr. di farina 00
75 gr. di burro ammorbidito
1 pizzico di zucchero
1 tuorlo
1 uovo
Sale e pepe q.b.
1 cucchiaio di erbe aromatiche in polvere (scalogno, timo, erba cipollina)
2 piccoli filetti di salmerino senza lische
2 foglie di alloro
Burro di malga
1 goccio di vino bianco secco
150 gr. di formaggio fresco
Sale e pepe q.b.
10 pomodorini
Erbe aromatiche in polvere
Peperoncino
Zucchero di canna
Sale
Olio evo

Impastare il burro morbido tagliato a cubetti assieme agli altri ingredienti, incorporare velocemente la farina facendo attenzione a non lavorare troppo l’impasto in modo che non si scaldi. Formare un panetto allungato e avvolgerlo strettamente con la pellicola. Mettere tutto in frigo o freezer a risposare per circa un’oretta. Tagliare infine a fette e cuocere in forno a 180° fino a doratura.

Sciogliere una noce di burro in una padella, insaporire con l’alloro, aggiungere il pesce dal lato della pelle, salare, pepare e lasciare saltare per qualche minuto, sfumare con il vino bianco, abbassare il fuoco e cuocere per 7/8 minuti con il coperchio.
Togliere la pelle e mettere i bocconcini di pesce (facendo attenzione ad eventuali lische rimaste) nel mixer, assieme al liquido di cottura ed al formaggio, frullare bene per ottenere una consistenza spumosa.

Tagliare a metà i pomodorini e metterli su una teglia da forno con carta forno leggermente unta con un goccio d’olio, spolverare con sale, zucchero di canna, erbe aromatiche in polvere a piacere, altro filo d’olio ed infornare a 150° per una mezz’oretta. Comporre il crostino partendo dalla base in brisè, adagiandovi sopra una quenelle di mousse di salmerino e terminando con un pomodorino confit.

Per la crostatina salata con purè di patate alla pancetta e rosmarino e speck croccante
1 rotolo di pasta sfoglia
3 patate medie
Burro di malga
50gr. di pancetta affumicata a cubetti
Latte fresco
Rosmarino
5 fette di Speck

Sbucciare e cuocere le patate tagliate a cubetti in acqua bollente poco salata, sciogliere una noce di burro in una pentola alta, soffriggervi la pancetta, aggiungere le patate schiacciate e un goccio di latte, amalgamare bene il tutto continuando a mescolare ed aggiustare di sale.
Ricavare dei cerchi dalla pasta sfoglia con un “coppapasta”, foderare degli stampini in silicone e riempire i gusci di sfoglia con un cucchiaio di purè, livellare bene ed infornare a 180° per circa 15 minuti o comunque fino a doratura. Tagliare a striscioline sottili e cuocere in un padellino antiaderente lo speck fino a renderlo croccante.
Sfornare le crostatine e guarnire con qualche strisciolina di speck.

 

Grazie di cuore Meggy! Ora siamo curiosi però… qual è la ricetta che racconta  la vostra terra?

Guest post by Meggy magpiekitchen.wordpress.com

 

Altre ricette del Trentino e della tradizione le puoi trovare in tutti gli Hotel & Resort Vita Nova