Pasqua felice sull’Adamello – La nostra ricetta tipica trentina

I rintocchi d’oro delle campane risuonano in tutto il Trentino, i canti dei cori si confondono con i meleti in fiore e nell’aria si respira la magia della festa…Con il meraviglioso racconto della nostra Meggy, vogliamo augurare a tutti voi una Pasqua di pace! E per il pranzo pasquale, cucineremo un piatto tipico della tradizione trentina preparato dalla nostra fantastica food blogger trentina…

Impossibile dimenticare i giorni di Pasqua trascorsi con tutta la famiglia nella grande casa presa in affitto nel cuore del Parco dell’Adamello Brenta. Giorni felici, carichi di emozioni, quando durante il giorno, baciati dal sole, ci avventuravamo tutti assieme lungo sentieri di montagna alla scoperta delle meraviglie del bosco, e quando la sera, dopo cena, sdraiati sul prato, ad ammirare le stelle, ci sembrava di poter toccare il cielo con un dito. Ricordo soprattutto il periodo della cometa di Halley che ci accompagnò tutte le sere di una vacanza: che magia …

Ricordo con immensa nostalgia quando la mattina di Pasqua io, mia sorella e i miei cugini aprivamo gli occhi annusando l’aria carica di eccitazione per la caccia alle uova che le mamme nascondevano nel prato la sera prima, e poi per qualche ora nella zona circostante la casa echeggiavano i nostri gridolini di gioia nel riempire di uova colorate le nostre ceste intrecciate a mano.
Da qualche anno ormai la casa non è più utilizzabile, ma a noi piace comunque ritrovarci e cogliere l’occasione per passare un giorno di nuovo tutti assieme, senza impegni ne’ fretta, ecco quindi che la Pasqua, trascorsa a casa dell’uno o dell’altro, diventa un ritrovo di famiglia, con anziani, grandi, ragazzi e bambini. Quale piatto migliore per celebrare la festa pasquale, di un capretto al forno profumato e croccante, che ricorda i giorni passati in montagna? Da accompagnare con un’insalatina di cicoria tenerissima, servita con delle uova bio fresche fresche, lessate, tagliate a metà (da mangiare assieme o a parte), che condite con un goccio di olio evo, un pizzico di sale e pepe sono la fine del mondo.

Fiori freschi e uova colorate come decorazione per concludere il tutto, anche la tavola è pronta: buon appetito e buona Pasqua!

Ingredienti per 4 persone:

1,5 kg di carrè di capretto a pezzi
Senape media q.b.
1 mazzetto di erbe aromatiche (timo, alloro, salvia, rosmarino)
1 spicchio d’aglio
Olio evo q.b.
Burro di malga q.b.
Pangrattato q.b.
1 goccio di vino bianco (Gewurztraminer o Nosiola)
Sale e pepe q.b.

Preparazione:

Mettere in una bacinella i pezzi di capretto e spalmarli uno ad uno con la senape, ricoprirli quindi con le erbe aromatiche e l’aglio tritati, chiudere con la pellicola da cucina e mettere in frigo a riposare per un paio d’ore.
In una teglia forno preparare un fondo di cottura con un goccio di olio evo e qualche pezzettino di burro di malga, dopodiché disporre i pezzi di capretto sulla stessa, ricoprire il lato superiore di pangrattato e premere bene affinchè aderisca bene alla carne.
Infornare a 200° per circa 20 minuti, o comunque finchè il pangrattato risulti dorato, dopodiché girare i pezzi, bagnare con il vino bianco, e ri-infornare per altri 20/25 minuti, dipende dal forno, controllate che la carne sia ben cotta prima di spegnere, deve cuocere un’oretta scarsa in tutto.
Se decidete di prepararlo per il giorno seguente, scaldatelo con l’aggiunta di un mezzo bicchiere d’acqua.
Vino in abbinamento:  un rosso leggero come la Schiava gentile, dal colore vivo, con profumo fragrante e timbro fruttato, o se si preferisce un bianco profumato come quello usato per la cottura.

 

Cosa prevedere invece il vostro menù di Pasqua? Un tuffo nei ricordi di infanzia?

 

Guest post by Meggy  deliciousmeggy.blogspot.com