M come… MUSE: IL MUseo delle ScienzE di Trento

In Trentino natura, scienza e tecnologia si fondono in un tutto uno per dar vita al museo contemporaneo che guarda al futuro! Dopo il Mart di Rovereto, a Trento arriva il MUSE, il Museo delle scienze dove “l’universo naturale” verrà presentato attraverso gli occhi della scienza.

Ormai manca veramente pochissimo all’inaugurazione del nuovissimo MUSE, il museo di Scienze di Trento! Un museo davvero moderno, lontano dalla classica e tradizionale esposizione, dove al centro della visita non c’è più l’oggetto… ma il visitatore! Curiosa come qualsiasi donna, mi documento e scopro che l’obbiettivo principale del MUSE sarà quello di creare un’esperienza di visita attiva, attrattiva e memorabile. I visitatori avranno modo di interagire con i ricercatori al lavoro, osservandoli all’opera e partecipando attivamente alle ricerche.

Michele, mio grandissimo amico, laureato in storia e super interessato e appassionato nell’allestimento di opere, mi spiega che all’interno del MUSE verranno create delle “esperienze immersive”, ossia ambienti dove attraverso video-proiezioni si potranno sperimentare sensazioni davvero uniche come raggiungere la vetta di un ghiacciaio e toccare con mano la sua superficie fredda e liscia.

Proprio ieri, passeggiando lungo la sponda dell’ Adige ho visto il nuovo edificio che sempre più sta prendendo piede, nella zona dismessa “ex-Michelin”: un’area in costruzione, in fermento e brulicante anche fino a tarda serata. Un edificio innovativo progettato dal famosissimo architetto Renzo Piano che ricorda il profilo delle montagne e all’orografia circostante. Un edificio, metafora della montagna trentina!

Il MUSE riassunto in alcune cifre:

  • Superficie totale: 12.000 m
  • Laboratori di ricerca: 800 mq
  • Biblioteca e Archivio: 800 mq
  • Spazio mostra permanente: 3.000 mq
  • Spazio mostre temporanee: 700 mq
  • Serra Tropicale: 300 mq

Curiosi di vedere come sarà? 😉

Insomma, un luogo dove apprendere e imparare dal passato, mostrandoci ciò che stiamo vivendo nel presente e sperimentare divertendosi quello che accadrà nel futuro! Noi non vediamo l’ora di visitarlo, e voi? 😉

Crediti fotografici: Trentocultura.it, Stefano Goldberg, Alessandro Gadotti, archdaily.com