La merenda trentina: lo Smacafam con la luganega

Secondo racconto della nostra food blogger del Trentino, e nuova ricetta tradizionale: lo smacafam. Un tuffo nei ricordi per tutti: non c’è nonna, dalle Dolomiti a Riva del Garda, che non l’annoveri tra i suoi “piatti forti”. La cucina riscaldata dal forno, il profumo della luganega nell’aria, la nonna e il suo grembiule sporco di farina…impossibile non farsi trasportare dai ricordi…Grazie Meggy!

Mi sembra ieri che dopo la scuola, con il mio zainetto carico di libri sulle spalle, prendevo l’autobus ed andavo a casa dei nonni aspettando che la mamma finisse di lavorare.
Il nonno mi aspettava alla fermata assieme al fidato pastore tedesco, e dopo un abbraccio ci incamminavamo assieme lungo stradina in campagna che portava alla loro bianca casetta, mentre la nonna ci aspettava sorridente affacciata alla veranda.
Appena entrata in casa il profumino era inconfondibile: mi aspettava lo smacafam, la merendina dei campioni, piatto tradizionale della cucina regionale le cui origini si perdono negli anni, ma che ancora oggi fa il suo figurone quando lo propongo ai miei ospiti.
Pastella morbida dentro e croccante fuori, pasta di lucanica e lardo sul fondo, rondelle di lucanica fresca come decorazione.

Lo smacafam (letteralmente “schiaccia-fame”), è un tipico piatto trentino che consiste in una sorta di torta morbida salata farcita con lardo, pasta di lucanica e luganega fresca ed è molto diffuso in tutte le zone della regione.
E’ prettamente un piatto che si cucina in occasione della fine del Carnevale (vi ricordate la nostra ricetta sui crostoli?!), ma ogni occasione è buona per portarlo in tavola. Solitamente si consuma come piatto unico, ma può essere abbinato a formaggi, salumi vari e anche a della verdura fresca, come l’insalata di tarassaco (che abbiamo preparato assieme la scorsa settimana).

Smacafam alla trentina – Ingredienti per 6 persone

3 uova freschissime
500 ml. di latte
3 hg. di farina
500 gr. di pasta di lucanica
1 hg. di lardo in fetta
2 lucaniche fresche (per la decorazione)

Procedimento

Preriscaldare il forno a 200°, tagliare il lardo a dadini e sbriciolare la pasta di lucanica, ricoprire con i due il fondo di una teglia. Mettere la teglia sul fuoco e soffriggere le carni fino a quando non saranno croccanti ed avranno assunto un colore leggermente brunito (se il grasso rilasciato dovesse essere troppo, eliminarlo), nel frattempo preparate la pastella sbattendo con le fruste le uova assieme al latte e poi aggiungendo la farina a cucchiaiate.
Lasciare riposare il composto per una decina di minuti, quindi versarlo nella teglia e terminare con fette di lucanica fresca come decorazione.
Infornare fino a doratura della superficie.

Questo è lo smacafam (letteralmente: schiaccia fame) trentino, per “ancòi e per doman”, perché è buono il giorno stesso, ma quello dopo ancora di più.
Ora tocca a voi, qual’era la vostra merenda preferita dopo una lunga giornata di scuola o di giochi all’aria aperta con gli amici?

Guest post by Meggy  deliciousmeggy.blogspot.com

Related Post

thumbnail
hover

Ritrova l’equilibrio e rigenerati in 4...

Qual è la prima cosa che vorresti fare quando vai in vacanza? Scommetto che come me, hai pensato alla parola relax. Staccare la spina, non ...

thumbnail
hover

M.Assaggi una pausa di benessere e...

Prendete un’eccellenza del Trentino, l’Olio EVO di Agraria Riva del Garda, una brillante foodblogger, Elena Tonolli, un illustre chef, I...

thumbnail
hover

Trentino Guest Card, una vacanza esperienze...

Una vacanza esperienze incluse con Trentino Guest Card, la nuova proposta per la tua vacanza in Trentino. Con Trentino Guest Card viaggi, vi...