Cosa fare a Ferragosto in Trentino – alla scoperta del mondo delle malghe

A quasi una settimana da Ferragosto, abbiamo stilato il nostro programma! Tra le tante e numerose proposte ed attività per bambini in Trentino, abbiamo deciso di scoprire il mondo delle malghe e degli alpeggi: ambienti carichi di tradizione e di storia dove con grande amore e dedizione si produce ancora oggi, latte, burro, ricotta e formaggi freschi.

il mondo delle malghe

Una vacanza in Trentino non può definirsi veramente completa se non prevede una visita alle malghe che punteggiano le Dolomiti. Oggi queste tipiche casette alpine con bestiame da latte, sono circa 300 in Trentino. Fin da piccola, ricordo le emozioni che mi accompagnavano durante il tragitto per giungere fino in malga con mamma e papà: curiosità di scoprire quanti e quali animali avrei trovato, voglia di ascoltare gli aneddoti dei pastori e soprattutto impazienza di gustare un buon bicchiere di latte appena munto e un buon pezzo di formaggio… il mio pranzo preferito!

valdirabbi

Storia di malga

Forse non tutti i bambini lo sanno, ma le malghe sono nate come abitazioni per i pastori durante il periodo dell’alpeggio: quel particolare momento dell’anno in cui il bestiame si ritira in “vacanza” nei pascoli estivi in quota. Oggi la malga è diventata anche un punto di riferimento per riscoprire il contatto più autentico e genuino con la tradizione e la storia e meta di numerosi escursioni trekking.

Prodotti di malga

Nel cuore delle valli trentine come le Valli Giudicarie, Valli di Non e Sole, Lagorai e molte atre zone del Trentino sono presenti numerose malghe dove si producono prodotti caseari con il latte degli animali che le abitano. La malga diventa quindi anche un punto dove acquistare eccellenze trentine come ricotte, formaggi nostrani, burro, yogurt e latte. Proprio quest’ultimo, ha delle proprietà nutrizionali ed organolettiche superiori al latte non di malga, caratterizzato da  un sapore inconfondibile che profuma d’erba di alpeggio.

formaggio di malga

Vite di malga

Arrivati in malga si scopre come dietro ad una casetta rurale, ad una stalla con le mucche, ad un prato tagliato, vi siano persone che lavorano quotidianamente in alta quota, lontano dalla contaminazione tecnologica. Uomini che raccontano con piacere ad orecchie interessate, storie di vite di nonni e bisnonni con i quali riservano una forte riconoscenza e curiosi aneddoti che fanno rimanere i più piccini a bocca aperta.

Iniziative di malga

Da pochi anni a questa parte, si è deciso di valorizzare e preservare il lavoro e l’attività di malga facendole scoprire ad un pubblico sempre maggiore. Per questo sono nate diverse iniziative come:

1. #albeinmalga: iniziativa che nei mesi estivi vede le porte di circa 15 malghe del Trentino aperte, per  far scoprire ad occhi curiosi il mondo dell’alpeggio con i ritmi lenti di montagna. Svegli all’alba si offre la possibilità al turista di mungere e di degustare i prodotti caseari. Anche noi abbiamo partecipato quest’estate: ecco il nostro racconto!
2. Andar per malghe: un itinerario che si snoda in diverse zone del Trentino, dove storia, tradizione, profumi di alpeggio e cucina di montagna si fondono. Un’iniziativa per assistere al rito della mungitura e alla lavorazione del latte, trasformato poi in formaggio.
3. Adotta una mucca: si tratta di una simpatica iniziativa promossa dall’APT della Valsugana e un’occasione per sostenere le malghe del Trentino con il mantenimento della mucca adottata. Un’opportunità per grandi e piccini di apprendere da vicino come si produce il formaggio. Ecco la nostra esperienza!Gli animali da adottare sono circa 140… ce n’è uno che aspetta anche voi!

#albeinmalga

Con il passare del tempo, forse qualcosa è cambiato… molte malghe hanno chiuso i battenti, ma l’amore per le cose buone, genuine, fatte in malga e non in fabbrica continua a rimanere immutato ed è quello che la gente continua ad amare. <3

Noi a Ferragosto non abbiamo dubbi dove andare 😉  …voi? Quali sono i vostri programmi?