Dolomiti Ski Jazz: la Val di Fiemme a ritmo di musica

Da sempre, a casa mia, la Festa del papà è un giorno speciale. Ci spostiamo in Trentino e per una volta, il “capo famiglia”, decide il programma della giornata. Quest’anno il daddy-day prevede: weekend di sci in Val di Fiemme e concerto al Dolomiti Ski Jazz, il noto festival jazz tra le piste delle Dolomiti.

Deglutisco e inizio a sudare: non solo non metto gli sci ai piedi da tempo, ma non conosco il jazz e l’idea di assistere ad un concerto all’aperto, al freddo, non mi fa impazzire. E’ la sua giornata all’anno però, quindi preparo le valigie e venerdì nel tardo pomeriggio siamo già tutti in viaggio verso l’Hotel Shandranj, a Tesero. La sera è dedicata ai racconti nostalgici. Mamma e papà ancora ragazzi: lui cantante in un gruppo jazz, lei groupie scatenata (in famiglia, siamo tutti convinti che si divertano a romanzare :-) ). Mio padre prova a descrivermi il jazz: una musica speciale, intima, che riesce a toccare luoghi inaccessibili per l’anima. Poi tutti a letto presto, domani mattina si scia!

Quando la sveglia suona, vorrei girarmi dall’altra parte…ma fuori il sole splende! Scendo e mi vesto velocemente. Il papà si presenta con il suo classico abbigliamento old-style e degli occhiali da sole improponibili: riusciremo mai a convincerlo ad innovarsi?! Sulle piste del Predazzo Ski Center Latemar tutto è meraviglioso, e persino la sua tuta viola passa in secondo piano. Niente code, neve perfetta e temperatura mite ad accompagnare con un caloroso abbraccio le nostre sciate!

La mattina passa velocemente e cominciamo ad avvertire un certo appetito! Come da programma, ci spostiamo alla Baita Gardonè per il Dolomiti Ski Jazz, dove hanno iniziato a suonare i Valdarno Jazz Ensenble. Inizio a tempestare di domande tutti: alle medie avevo difficoltà con il flauto dolce, e vedo ancora tutti gli strumenti come dai mostri con le corde! Presto dimentico il freddo: le note calde della musica del gruppo e la voce della vocalist scaldano l’ambiente…

La loro musica colma ogni angolo di questo teatro naturale così suggestivo. I miei stanno per tutto il tempo con il fiato sospeso, come se fossero partecipi di qualcosa di straordinario e volessero perdersi neppure un attimo. Per me, che non avevo mai assistito ad un concerto jazz, è stato un continuo crescendo di emozioni. Daniele Malvisi, che suonava il saxs, si fondeva e quasi confondeva con lo strumento. Papà mi spiega che sono un gruppo dalle diverse estrazioni: classica, etnica e rock, per una sinfonia musicale unica!
Un concerto veramente spirituale: il pubblico in assoluto silenzio, l’aria frizzante delle Dolomiti a solleticarci il viso…un’alchimia di sensazioni unica, mai provata prima! Peccato che il Dolomiti Ski Jazz sia già al termine…

Sulla via del ritorno, chiedo a papà come intende trascorrere il resto della giornata. “Ti vedo stanca e quasi provata, meglio se ci rilassiamo tutti nel centro benessere dell’hotel…”. Furbo lui! Tanti auguri papà!
Voi come intendete trascorrere la festa del papà?

 

Foto: Archivio Dolomiti Ski Jazz

Questo sito utilizza cookie per fornirti servizi in linea con le tue preferenze.
Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close