Cappellacci "Buon Enrico": la ricetta di Agnese premiata da Osterie Tipiche Trentine

“I Cappellacci ” Buon Enrico ” sono un piatto preparato con un ingrediente particolare: gli spinaci selvatici che crescono spontaneamente nei prati trentini: sono ottimi. In passato si cucinavano degli gnocchi al cucchiaio, ora io preferisco usarli per il ripieno dei cappellacci, ottengo un piatto con il carattere dell’ingrediente e con un aspetto piu’ fine rispetto agli gnocchi al cucchiaio. Perfetti invece se questo piatto si prepara in un maso o in una malga!”

A presentare la ricetta di oggi è la signora Agnese Framba, del ristorante Sant’Hubertus a Pejo Fonti. Oltre al ristorante, Agnese ha una fattoria che gestisce insieme al marito Pino e di cui ho parlato in un recente post.

CAPPELLACCI “BUON ENRICO” – UNA RICETTA TRENTINA DAL RISTORANTE SANT’HUBERTUS A PEJO FONTI 

INGREDIENTI per 4 persone :

600 grammi
di patate
1 tuorlo
sale q.b.
farina q.b. ( la quantità di farina
dipende dalla qualità delle patate )
Preparate un impasto come per gli
gnocchi di patate, solo un poco piu’ sodo perchè dovrete ottenere una sfoglia di
circa 4 millimetri di spessore.

Per la farcia :

150 grammi di spinaci
selvatici ( nome botanico Chenopodium buon enrico ) lessati, strizzati e
tagliati a coltello
100 grammi di ricotta vaccina
50 grammi di
Trentingrana
50 grammi nocciole tritate
sale e pepe q.b.

Per condire : burro e trentingrana.

PREPARAZIONE

Stendete la pasta, preparate dei grossi ravioli rotondi tagliando con un coppapasta, assottigliate bene i bordi, rifinite con un ulteriore taglio con il coppapasta, cuocete in acqua bollente per 3 o 4 minuti, scolate e servite con trentingrana e burro spumeggiante.

VINO CONSIGLIATO

Trentino Sauvignon

Questa ricetta è stata premiata da Osteria Tipica Trentina ed inserita nel Sussidiario di Ricette Trentine, dove Agnese la presenta così:

Sfruttare lo spazio con la contrapposizione tra pieno e vuoto. Ecco la pasta a base di patate fatta per ‘coprire’ tante piccole noci di verdure e ricotta. Per poi trasformarsi in grossi ‘cappellacci’, altrettanto regolari. L’eleganza è intrinseca al piatto stesso. Racchiude – lo custodisce – il sapore decretato da un prodotto spontaneo della natura – le ‘comede’ – e ne esalta fragranza e contrasto visivo, al momento del consumo: quando si ‘rompe’ per assaporarlo.”

Che ne dite, non potrebbe essere un’idea per il pranzo di domenica?

Related Post

thumbnail
hover

Le proprietà benefiche del Ribes Nigrum...

Cosa c’è di meglio di un esclusivo trattamento benessere con prodotti naturali e biologici a km zero per rigenerarsi prima dell’estate?...

thumbnail
hover

Forest bathing: la pratica giapponese che...

Trascorrere più tempo nella natura, passeggiare nei boschi e immergersi nel verde: tutto questo è Shinrin-yoku, un termine giapponese, rib...

thumbnail
hover

L’acqua come fonte di benessere: il...

  Il metodo Kneipp, il cui nome deriva dalla terapia sviluppata da Padre Sebastian Kneipp (1821-1897), è un vero toccasana per il corp...