Aspettando #vitanova12: la mini-intervista con Serena e Silvia

Il team è quasi al completo: oggi vi presentiamo Serena di Turisti Per Caso e Silvia di The girl with the suitecase!

 

Serena è sarda, si definisce una nomade, viaggiatrice nel quotidiano, amante dei cambiamenti. Si occupa di comunicazione, turismo, eventi e sostenibilità e ama la buona cucina. Collabora con Turisti per Caso, il sito dei viaggiatori per i viaggiatori nato dalle avventure di Syusy Blady e Patrizio Roversi, dove perdersi in migliaia di racconti di viaggio, chiedere consigli, condividere foto e video, conoscere nuovi compagni di avventura.

 

 

 

Silvia, piemontese, travel blogger per passione. Nella vita sogna di fare l’organizzatrice di eventi, ma anche di scrivere e viaggiare. Il suo blog è The Girl with the Suitcase, La Ragazza con la Valigia: diari di viaggio, foto, eventi e links utili per chi ama viaggiare.

 

 

Siete pronti per conoscerle?

Se pensi “viaggio”, pensi…

Serena: Domanda difficilissima, ma provo a rispondere così: un mix fra spirito d’avventura e riposo della mente. Intendo l’avventura in senso lato, perchè quando si parte con lo stato d’animo giusto, anche ogni inconveniente può essere trasformato in qualcosa di divertente da ricordare. Il riposo della mente, invece, è l’assenza di ansie, preoccupazioni e obiettivi da raggiungere. È prendere le cose come vengono, gustandosi ogni dettaglio e ogni momento. Quando penso al viaggio mi vengono in mente tutti i piccoli e grandi ostacoli superati, dal trovare un pezzo per la macchina in panne in mezzo alle campagne ungheresi alla difficoltà a tradurre i menu dei locali danesi (impresa ardua per un vegetariano, ma questa è un’altra storia!), ma soprattutto la soddisfazione di aver conosciuto, ogni volta, un pezzo di mondo nuovo.

 

Silvia: Riempirmi gli occhi di posti mai visti, scoprire profumi inaspettati, assaggiare cibi sconosciuti. Sentirmi a casa anche a migliaia di chilometri. Il viaggio è la parte di vita che preferisco.

 

Se pensi “Trentino”, pensi…

Serena: In primis verde, valli, lunghe camminate e rifugi dove potersi godere un po’ di relax con ancora gli scarponi addosso. Ma anche riposo e silenzio, le condizioni ideali per poter riposare spirito e corpo.

Silvia: Verde, aria fresca, neve. È una chiesetta in un lago, una camminata sulle Dolomiti, un mercatino di Natale. È un posto dove andare.

Se pensi “benessere”, pensi…

Serena: Per me “benessere” è la possibilità di farsi delle coccole, anche quando il contesto sembra non permetterlo. Può essere rilassarsi in una sauna, fare una camminata, allestire un angolo di terrazzo per pranzare facendo finta di essere dall’altra parte del mondo, prendersi il tempo per leggere un libro senza fretta. Ecco, credo che la mancanza di fretta sia una precondizione necessaria per il benessere, per riprendere fiato e poter affrontare meglio il passo successivo.

Silvia: ammirare meraviglie. Godermi l’attimo come se non avessi altro da fare che quello che sto facendo. Prendermi il mio tempo, assaporando il silenzio.

Ormai è tutto pronto…siete pronti a partire con noi per #vitanova12?